SHARE
foto di Gerald/Pixabay

Evgenia Kanaeva è nata 2 Aprile 1990 nella città siberiana di Omsk. Sua madre – Svetlana Kanaeva è Master dello Sport di Ginnastica Ritmica. Tuttavia a portare Eugenia in palestra all’età di sei anni fu la nonna, amante della ginnastica e del pattinaggio di figura. Nonostante la sua giovane età, Kanaeva ha dimostrato un grande potenziale. Il suo primo allenatore Arais Elena fu sorpreso dal suo desiderio di apprendere nuovi elementi complessi. Kanaeva rimaneva ad allenarsi dopo che tutti i bambini erano andati a casa. Oltre all’amore di ginnastica, Eugenia ha sempre dimostrato grande cuore.

All’età di 12 anni è stata invitata al training camp a Mosca come parte di un gruppo di giovani ginnaste provenienti da Omsk. La sua performance ha attirato l’attenzione di Amina Zaripova, allenatore responsabile della formazione juniores. Eugenia fu invitata ad allenarsi nella scuola di riserva olimpica. Nel 2003  partecipò al campionato del mondo Gazprom nella categoria juniores (‘Aeon Cup’), che si è tenuto in Giappone, rappresentando la Russia insieme a Irina Chaschina e Alina Kabaeva. Vinse le gare juniores.

Irina Viner la vid e la invitò ad allenarsi presso nel centro di formazione “Navagorsk” .

Non è stato facile per la Kanaeva diventare la numero uno, perché in Russia c’erano un sacco di ginnaste di talento. Dalla fine dei Giochi olimpici del 2004, dove Kabaeva e Chashina hanno vinto rispettivamente oro e argento, hanno iniziato la loro ascesa Vera Cecina e Olga Kapranov. Finché in squadra ci fu la Kabaeva non c’era posto per lei. Ma Eugenia ha continuato a lavorare duro e nell’estate del 2007 la Kabaeva ebbe un grave infortunio e la Viner decise di sostituirla nell’esercizio al nastro con Eugenia, dove vinse la medaglia d’oro. Pochi mesi dopo, tornò a vincere l’oro ai Mondiali di Patrasso, in Grecia, nella gara a squadre.

Nel 2008 le sue prestazioni furono mozzafiato in tutti e quattro gli esercizi con attrezzi ( palla, cerchio, nastro e clavette). LA Kanaeva iniziò la stagione 2008 all’ombra di Cecina, Kapranova e del Campione del Mondo Anna Bessonova. Tuttavia, da metà primavera fu in grado di superare tutti gli ostacoli e di vincere il primato assoluto in tutte le fasi del Grand Prix e della Coppa del Mondo e vinse il titolo di campione assoluto della Russia.

Ai Campionati Europei a Torino, in Italia, partecipò come titolare della squadra russa . La Viner decise che a Pechino doveva andarci lei . La Kanaeva era la più giovane tra tutti i finalisti in concorso ginnastica ritmica alle Olimpiadi dove vinse con un meraviglioso risultato .

Per Evgenia Kanaeva fu l’inizio di un periodo di grandi successi: l’oro nei quattro programmi ai Campionati Europei a Baku, Azerbaijan, Kanaeva ha vinto l’oro in tutti e quattro i tipi di programmi. Vinse tutte le medaglie d’oro (in totale 9 pezzi) a Belgrado nelle Universiadi e nei World Games a Taiwan.

Le fu assegnato il titolo di “Eroina dei Giochi” sul sito ufficiale delle Universiadi di Belgrado nel 2009.

A Settembre diventò campione del mondo e continuò a mietere successi per gli anni seguenti.

risultati sportivi
2010 Campionati Europei di Brema (Germania). 1 ° posto nel girone.

2009 Finale del Gran Premio di Berlino. 1 ° posto nella all-around, e tutti i vari programmi: cinque medaglie d’oro su 5 possibile.
Cinque volte campione del 2009 Universiadi di Belgrado.
2009 quattro volte campione dei World Games a Taiwan.
2009 campione assoluto del mondo, campione del mondo nel team e singoli eventi a (Giappone): 6 medaglie d’oro su 6 possibili.
2009 Campione Europeo in gare individuali a (Azerbaigian).
Giochi Olimpici 2008, Pechino (Cina): l’individuo all-around – 1 ° posto.
2008 Campionati Europei di Torino (Italia): l’individuo all-around – 1 ° posto.
Coppa del Mondo 2007, Patras (Grecia) campionato a squadre – 1 ° posto.
2007 Campionato Europeo, Baku (Azerbaijan): Il nastro – 1 ° posto, squadra – 1 ° posto.

intervista

Zhenya, cosa significa la bellezza per te?

Prima di tutto, la bellezza deve venire dall’interno. Se amate voi stessi e gioite della vita, questi sentimenti saranno l’impatto positivo sul tuo aspetto. E, naturalmente, è importante prendersi cura di se stessi.

Suggerimenti sulla bellezza che funzionano davvero?

Sonno sano e nutrizione. Tuttavia, il sonno non funziona sempre. Il tuo tabù principale nel trucco? Oppure non hai paura di esperimenti? Non ricordo di avere mai usato, nella vita quotidiana , il rossetto rosso. Preferisco uno stile make-up nude.

Cosa ti piace di te?

Il colore degli occhi, mi fanno sentire seducente. In generale, sono abbastanza autocritica – mi piacerebbe essere più magra e avere i capelli ricci. 

Le ginnaste sono sempre così sottili e graziose. C’è una dieta speciale nello sport per mantenersi in forma?

Sì. Posso permettermi qualche sfizio solo alla conclusione dei Concorsi. Ad esempio, durante la preparazione attiva per le Olimpiadi rifiutai biscotti, cioccolatini, e la mia dieta consisteva di solo tè verde per la colazione.

Congratulazioni per la tua medaglia d’oro ! Qual è stato il momento più difficile alle Olimpiadi?

La realizzazione che tutti credono in te e non si deve fallire. Si diventa consapevoli di tutte le responsabilità, anche durante gli allenamenti, ma una volta in gara si dimentica tutto e si concentra sui movimenti.

Eugenia, hai qualche oggetto portafortuna?

Prima di entrare nello stadio, tengo sempre nelle mani talismanchiki , un porta fortuna. Me lo hanno regalato i miei cari. Poi mi ripeto alcune parole che mi diceva il mio allenatore Vera Doukhova Shtelbaums, ma non posso dirvi cosa, è un segreto!

Fantastichiamo . Se Evgenia Kanaeva non fosse diventata una ginnasta …

In generale “se” non accade. Ma io sono persona molto curiosa, da bambina mi piaceva il disegno e la musica, sono molto affascinata da questi argomenti….