foto di Alessandro Squassoni/Ginnastica-Ritmica.eu

Dopo il risultato di ieri nel Trofeo Città di Desio dove è stato superato il limite del 10.000 nel punteggio di difficoltà ho deciso di scrivere questo articolo con appunti sul nuovo regolamento.

La mia visuale è quella di una persona informata e non vuole essere quella di un giudice o un tecnico.

Dal 1° Gennaio 2018 sono entrati in vigore gli emendamenti alla ginnastica ritmica per l’attuale stagione olimpica.

La squadra dei Giudici è composta da due gruppi, i giudici di D – difficoltà –  e i giudici di E – esecuzione. Il primo gruppo valuta la difficoltà del programma, le difficoltà corporee e i passi di danza. Ogni movimento ha un valore fisso. La valutazione fornita da questo gruppo di giudici è uguale alla somma degli elementi eseguiti dalla ginnasta. I giudici del gruppo di Esecuzione invece calcolano l’ammontare delle penalità per errori di  prestazione artistica e tecnica. Errori di carattere tecnico possono essere la perdita dell’attrezzo oppure la perdita di equilibrio durante l’esecuzione. Non c’è descrizione per quanto concerne gli errori della parte artistica; in questo caso potrebbero essere presi in considerazione quegli errori che sono inerenti all’incoerenza della musica sui passi di danza …

I punteggi delle giudice di Esecuzione sottraggono gli errori partendo da un totale di 10.000 e andando a scalare. Mentre per quanto riguarda il punteggio delle Difficoltà, esso va a progredire a seconda delle capacità dell’atleta e quindi può superare il 10.000 che fino al Dicembre scorso era il massimo.

Le modifiche hanno anche toccato il numero degli elementi che sono aumentati.

Un altro cambiamento è stato quello riguardante le penalità degli elementi eseguiti:

  • Se la forma è ben riconoscibile, con una leggera deviazione di una o più parti del corpo di 10 ° o meno, la Difficoltà corporea viene contata con un calo di -0.10
  • Se la forma è ben riconoscibile, con una leggera deviazione di una o più parti del corpo 110 -20 °, quindi è contata con una penalità  -0.30
  • Se la forma poco riconoscibile, con un grande scostamento di una o più parti del corpo più di 20 °, la difficoltà del corpo non è contata con penale -0.50

Cosa comporta questo? Che non solo se la ginnasta sbaglia non le viene contato l’elemento ma prende anche penalità.

Queste alcune regole:

  • La composizione deve essere costruita in modo tale da creare un’immagine artistica integrale ed esprimere l’idea di base dall’inizio alla fine attraverso i movimenti del corpo e dell’oggetto.
  • La natura della musica deve essere abbinata in base all’età, alla maturità, al livello tecnico, alle qualità artistiche della ginnasta e agli standard etici.
  • Stile e tipo di movimenti dovrebbero riflettere la natura o l’idea della composizione
  • I cambiamenti nella natura della musica dovrebbero riflettersi nei cambiamenti nella natura dei movimenti; questi cambiamenti dovrebbero essere combinati armoniosamente.

Si è penalizzate se:

  • il movimento è apparentemente eseguito prima o dopo gli accenti della musica
  • il chiaro accento nella musica è “mancato” e non sottolineato dal movimento
  • nella musica non ci sono cambiamenti dinamici apprezzabili, la ginnasta introduce i propri cambiamenti, cambiando significativamente il ritmo, lo stile o l’intensità dei movimenti del corpo e / o dell’oggetto
  • non esiste un carattere definito dei movimenti tra le difficoltà, che vengono presentati solo come una serie senza uno stile di movimento e connessione con la musica. Un certo personaggio è presente solo durante le combinazioni di passi di danza

Vedremo nel corso delle prossime competizioni internazionali quanto inciderà sui risultati l’esecuzione di questo nuovo codice.

 

Previous articleAl via il Campionato Russo 2018 | Live
Next articleMelita Staniouta | World Cup Pesaro 2016