SHARE
Irina Alexandrovna Viner foto di Alessandro Squassoni

Antonio Alizzi di www.sncmedia.ru ha pubblicato il 03 Marzo 2018 un’intervista a Irina Alexandrovna Viner. 

Irina Viner è considerata una delle donne più importanti della Russia. Nel 2015 le viene assegnato dal Presidente Vladimir Putin il titolo di ” Eroe del lavoro” sottolineando che Irina conosce il componente principale della vittoria: ” L disciplina, il carattere, la dedizione e la forza di volontà ” .

Riporto l’intervista tradotta:

Una volta hai detto che il segreto del tuo successo è l’amore per i bambini.

Sì, è vero. Amo i bambini, ma anche la ginnastica e l’arte. Questa combinazione dà risultati enormi. E, ovviamente, molto lavoro. Certo, il lavoro è molto difficile, ma continua  a darmi piacere. A volte mi sembra che se non posso andare in palestra mi ammalerò.

Il talento artistico ti è stato trasmesso da tuo padre?

Certo. Qui puoi vedere un sacco di foto di mio padre (l’intervista si svolge nella casa di Irina Wiener-Usmanova .- Ed.). Viveva a malapena a casa, era sempre con la gente – da qualche parte nelle fattorie collettive, nelle città di minatori e metallurgisti – dipingeva ritratti di queste persone. Raramente ci siamo visti, perché era sempre occupato. Ma mio padre era un vero atleta e il mio primo allenatore, mi ha instillato l’amore per lo sport. 

Nel 2015, Thomas Bach, Presidente del Comitato olimpico internazionale, ti ha assegnato l’Ordine olimpico d’argento. Cosa hai provato in questo momento?

Sono stata molto toccata nel ricevere il riconoscimento per il mio lavoro, che per vent’anni – dai campionati europei e mondiali ai giochi olimpici – ha portato solo medaglie d’oro. Inoltre avevo appena ricevuto il titolo di Eroe del lavoro dalle mani del nostro presidente Vladimir Putin. Questi due riconoscimenti mi hanno fatta molto emozionare.

 

Quanto è importante il ruolo dell’allenatore?

E’ importante avere una simbiosi tra un buon allenatore e una buona ginnasta.  La passione del coach si traduce nella ricerca di ginnaste con talento. È necessario trovarle, allenarle e condurle alla vittoria. Anche un buon allenatore non otterrà mai risultati con ginnaste incapaci e le ginnaste di talento non vinceranno mai con un allenatore poco professionale.

Mi sembra che il successo di una ginnasta dipenda in gran parte dall’atteggiamento psicologico.

L’umore psicologico corretto non è di poca importanza, ma non è abbastanza. Direi che l’umore è solo il 35% del successo. L’allenatore è la principale fonte di motivazione e concentrazione. La formazione è molto importante. Altri componenti del successo sono una famiglia che supporta correttamente l’atleta e, naturalmente, il rispetto per la Patria. 

Patria – quindi patriottismo?

Sì, un profondo senso di responsabilità nei confronti del Paese fa vedere solo un possibile risultato: la vittoria. La ginnasta deve fare affidamento su Dio e sul suo Paese. Ella dovrebbe chiedere a Dio di darle il suo amore e allo stesso tempo essere caricata di energia dai suoi compatrioti che la sostengono. Se le persone amano la loro squadra nazionale, la loro Patria diventa una componente importante del successo.

Riguardo a Rita Mamun, che una volta era sulla copertina di questa rivista, hai detto: “Lei è un angelo”.

Sì, Rita è come un angelo e grazie a questo ha ottenuto il risultato più alto. A volte durante l’allenamento era troppo impegnata a fare tutto senza sbagliare, e poi ho detto: “Non dovresti lavorare con il tuo corpo, ma con la tua anima …” – finché non abbiamo raggiunto questo obiettivo, l’allenamento non è finito. Quando fu l’ora delle Olimpiadi di Rio de Janeiro, Rita mostrò al mondo intero la sua anima – la sua essenza dell’angelo. E poi è diventata una campionessa olimpica. 

Ma a volte una ginnasta può perdere la strada giusta ….

Una ginnasta che fallisce costantemente e non segue le regole della disciplina lascia il posto al Centro Olimpico. Lo sport è lavoro, ma non tutti possono farcela.

Margherita Mamun foto @GinRitmica Fiorella Goretti

Come spieghi a una bambina piccola che la disciplina, la dedizione e la forza di volontà avranno un tale significato? Altri bambini della stessa età si godono il cibo, i giocattoli e, naturalmente, la libertà.

Ogni bambina vuole ottenere risultati. Gli obiettivi sono diversi e la scala è diversa, ma alla fine tutto si riduce ad un momento, quando ogni persona – un adulto o un bambino – deve affrontare una scelta: essere o non essere. La scelta richiede disciplina, volontà e rigore: sia in ginnastica, sia in matematica, sia nella creazione di una famiglia. Essere o non essere – in entrambe le piccole e grandi competizioni. Se il bambino sceglie la ginnastica – indipendentemente dal fatto che sia un maschio o una femmina – dovrebbe funzionare perfettamente. Se a un giovane atleta piace la ginnastica artistica, mostra tenacia, non si arrende e poi arriva ai risultati.

È possibile sviluppare il talento, non solo nello sport, o una persona dovrebbe essere nata con esso?

Una persona deve essere premiata alla nascita con il talento. Con questa condizione, avendo l’abilità, potrà svilupparlo e fare tutto il possibile per ottenere il “fiore più alto” . Ma se non innaffi il fiore appassirà …

 

Sei un credente?

Non mi associo a nessuna particolare confessione. Credo che Dio sia uno per tutti gli esseri che abitano il nostro mondo. Inoltre, pratico yoga ogni giorno. Tutte le religioni vivono nel mio cuore e non faccio alcuna differenza: il Corano, la Bibbia o la Torah hanno lo stesso potere. La spiritualità è una parte importante della mia vita.

Che tipo di cibo preferisci?

Sono vegana. Nel caso volessi mangiare qualcosa che non posso, provo questo piatto, ma senza carne. Cerco di assicurarmi che anche i miei atleti mangino bene. I latticini come il latte e i fiocchi di latte e le uova dovrebbero essere esclusivamente domestici e naturali. Una delle mie ginnaste voleva davvero diventare una star, ma quando aveva nove anni pesava due chilogrammi in più rispetto alla norma, nonostante il fatto che lei osservasse la sua dieta e avesse provato a farne molte. Qualche anno dopo venne da me e divenne la campionessa olimpica a Sydney: era la ginnasta Yulia Barsukova. Dopo i Giochi, il metabolismo di Julia è stato ripristinato e lei è riuscita a mangiare come al solito.

Qual è il tuo sogno?

Che genitori e figli stessero insieme e avessero tutto ciò di cui hanno bisogno. Questo è il mio sogno. A volte le famiglie si disgregano perché genitori e figli non vivono insieme. Qui in Novogorske (Al centro di preparazione olimpica -. Ed.) i bambini hanno tutto: un asilo, una scuola, un centro di formazione. Ginnastica, danza, frequentare le lezioni dell’arte teatrale – qui c’è tutto. Dopo la scuola entrano nell’università. E non hanno bisogno di andare da qualche parte in auto o in treno perché tutto è vicino.

Cioè, il tuo sogno: connettere genitori, figli e ginnastica artistica?

Sì, tutti insieme, nella città del sole.

Hai mai pensato al giorno in cui dirai addio alla ginnastica?

Tutti noi almeno una volta dobbiamo dire addio. Ma quando entro nella sala, mi dimentico dei miei problemi. Mi piacciono le performance e i programmi che mi ispirano. La musica e la corretta realizzazione emotiva mi caricano di energia. Mi è permesso vedere e sentire ciò che altri specialisti non possono vedere. Dopo tutto, è un dono di Dio e sarebbe un peccato ignorarlo.

Quando senti particolarmente la presenza di Dio?

Prima di qualsiasi competizione importante, guardo il cielo e cerco di trovare un segno. Se lo vedo, è molto buono e tutto dovrebbe andare bene. Ma i segni possono differire l’uno dall’altro, ed è importante non ignorarli, ma crederci e interpretarli correttamente. Prima della finale dei Giochi Olimpici di Londra, ho fatto lo stesso: sono uscita e ho guardato il cielo. In questo giorno, non ero riuscita a trovare un segno. L’unica cosa che ho visto in quel momento era un grande piano grigio. Era così spaventoso e grigio, non ho mai visto nessuno come lui. Quindi non potrei spiegare il significato e l’essenza di questo segno: grande fortuna o grande sconfitta? 

E cosa alla fine?

Alla fine, abbiamo vinto i Giochi Olimpici.

Cosa ti piace tranne la ginnastica?

Amo il mare e posso parlargli – lo sento molto profondamente. Niente laghi o fiumi, solo mare. Solo in mare posso dimenticare tutto e godermi la vita. Anche se in questo caso torno mentalmente alle ragazze in palestra, penso alla competizione successiva, penso al programma … Nonostante l’amore per il mare, il mio posto è qui – a Mosca, nella base di addestramento. Vedi? Vivo accanto alle mie ginnaste e alla sala in cui si allenano.

Pensi alla morte? 

Sì, penso che la morte non esista. C’è una transizione da uno stato all’altro. E per essere pronti a fare solo del bene, mai borbottare e ringraziare Dio per ogni dato giorno di vita. Dopo tutto, la felicità è l’assenza di infelicità.

L’intervista di Antonio Alizzi è durata un paio di ore e da questa abbiamo scoperto alcune cose che ancora non conoscevamo di questa grandissima donna.