SHARE

La pluri-campionessa spagnola di ginnastica ritmica Almudena Cid Tostado, prima ginnasta spagnola della storia ad aver partecipato a due finali olimpiche, Atlanta e Sydney, ed unica ginnasta  a fare le finali in quattro Olimpiadi consecutivi : Atlanta 1996 , Sydney 2000 , Atene 2004 e Pechino 2008, ha scritto e pubblicato nel suo profilo Facebook una lettera di ringraziamento dedicata alla sua ex-allenatrice. Qui il post originale. Sotto la traduzione

Cosa sarebbe stato di me senza di te.

14 anni fa facevo questo esercizio al nastro ad Atene. E ‘ vero che la palla di quei giochi olimpici è rimasta nel ricordo di molti per quella presenza creativa sotto forma di cuscinetto con cui finiva la mia performance.

Lo penso e sento ancora come tutto il mio corpo si rilassava per accompagnare la palla e speravo che non trovasse alcun ostacolo per interrompere la sua strada nel momento più decisivo e di maggiore tensione dell’esercizio.

Come sportivo ho cercato di fare la stessa cosa:
Fuori dalla mia carriera. Adattarmi. Fino a quello che ancora non capivo, come era tutto quello che non capivo durante la mia fase adolescente.

Ad Atene avevo 24 anni. Per allora la mia acne era scomparsa, i miei ormoni si erano stabilizzati e il mio petto ha smesso di crescere. Il Movimento ha smesso di essere interno, ma e ‘ diventato esterno.

Il primo passo e ‘ stato riconquistarti.

Far parte della squadra nazionale non mi ha solo allontanato dalla mia famiglia, ma anche da te.
Un vuoto tecnico di 4 mesi dopo le olimpiadi di Sydney ha provocato la nostra riunione.  Non è stato facile, significava un nuovo adattamento ad un altro posto e recuperare tutto quel lavoro che sembrava perso.

Ricordi il giorno in cui ho giocato con la testa sulla schiena durante i salti. Il codice non lo aveva richiesto fino ad allora, ma il contorcersi ha fatto irruzione nella ritmica per restare. Meno male che il corpo, che ha memoria, ricordava il tuo lavoro!

Il telefono squillò.

“o vieni o sopporti le conseguenze” ho sentito. E ho riattaccato.

Da allora abbiamo iniziato un lungo apprendistato. Proteggere il nostro lavoro, anche se quella frase riecheggerà nelle nostre teste ogni giorno. Mentre avevamo questa situazione, tu continuavi a tirare fuori nuovi talenti.

Non capisco la mia ginnastica senza di te. Non capisco i miei valori senza di te. Dovevamo attutire una mancanza infinita di rispetto e incomprensione, e che allora non ero più un adolescente
Lo sforzo di abbandonare ad un’altra ginnasta che potesse prendere il mio posto non ha cessato fino a un mese prima di viaggiare nella città greca. Ma avevamo già ottenuto il posto! I quattro controlli interni e le quattro competizioni internazionali che hanno messo come regola non sembravano essere sufficienti.

Ma siamo arrivati. Insieme.  Dovevo solo ascoltarti. Dovevo solo rispettare i tuoi piani, quelli che ti sentivi obbligato ad adattarsi ancora e ancora a causa di un sistema di classificazione senza significato. Ho dovuto solo allenarmi. Dovevo solo rispettarti, mi mancherebbe di più. Dovevo solo averti.

Tu mi hai protetto. Tu mi hai insegnato l’impegno e il rispetto per questo sport e te.

E siamo arrivati. Certo che siamo arrivati.

Ecco perché condivido questo video dell’esercizio del nastro. Anche tu, Iratxe. Forse avrò un sorriso come quello che mi è successo quando mi ricordo di fronte a un microfono che registra la mia risata per metterlo in questo esercizio. Perché sì. Ci sono stati anche momenti per portare la parte comica in tutto quel palcoscenico che è durato anche 8 anni.

PD. Non ricordavo che avevo 11 salti e 12 difficoltà in più tra curve e saldi. Chi lo sa? Se oggi fossi in competizione con te, forse avremmo sorriso di più.