SHARE
Alexandra Agiurgiuculese e Milena Baldassarri - foto di Alessandro Squassoni

L’onorevole allenatore della Russia di ginnastica ritmica, Vera Shtelbaums, allenatrice delle campionesse Eugenia Kanaeva, Irina Chashina e Natalia Puusep, ha parlato al termine del Campionato del Mondo di ginnastica ritmica che si è tenuto a Sofia la settimana scorsa dove le individualiste russe hanno vinto sei medaglie d’oro, un argento e due di bronzo.

Vera Shtelbaums ha condiviso la sua opinione sulla loro prestazione e sulle nuove regole che sono state studiate appositamente per il TeamRussia.

Traduzione intervista rilasciata a https://teamrussia.pro/ 
Oltre le ragazze russe, chi ti è piaciuto in questi mondiali?

Mi è piaciuta molto l’ucraina Vlada Nikolchenko, le italiane Milena Baldassarri e Alexandra Agiurgiuculese e la bielorussa Ekaterina Galkina.

Da dove vengono le ragazze italiane? Questo è il lavoro degli allenatori russi in Italia?

In Italia hanno eccellenti specialisti. Loro e gli allenatori Bulgari stanno facendo un ottimo lavoro.

La ginnastica ritmica in Italia è molto sviluppata. Hanno molti Clubs e fanno molte competizioni con un numero elevato di partecipanti. Sono rimasta stupita quando l’ho visto con i miei occhi. Tra un tale numero di persone coinvolte è facile trovare coloro che hanno un grande potenziale.

Gli allenatori bulgari lavorano in Italia. Tuttavia in Bulgaria c’era una mancanza nella ginnastica ritmica.

Sì, avevano un arretrato. I tempi di Neshka Robeva sono passati, sfortunatamente. Dopo la caduta della cortina di ferro, quasi tutti gli specialisti dalla Bulgaria sono partiti per una vita migliore. E poi c’era la povertà. Alcuni stanno tornando, lavorando e i risultati di questo lavoro sono già visibili. I cambiamenti per il meglio sono iniziati, è un processo irreversibile. A Sofia c’erano brave ragazze. Nel torneo a squadre hanno preso il secondo posto.

Hai parlato di Nikolchenko. Lei è una tipica rappresentante della scuola ucraina?

Intendi la coreografia? Questa ragazza è diversa. Nel precedente ciclo olimpico, nella squadra nazionale dell’Ucraina, era Anna Rizatdinova. Nikolenko ha un programma completamente diverso. Penso che tra un anno Vlada farà una competizione seria con i russi e tutto il resto. Ora è un po’ ‘”molle”. Anche se è alta, bella, ampia.

C’è bisogno di gambe lunghe

Le ginnaste con le gambe lunghe sono in minoranza?

Questa è la cosa. Le nuove regole non sono per ginnaste come come Vlada Nikolchenko e Alexandra Soldatova. Anche io sono per questo tipo di ginnasta. Mentre loro fanno un giro, Arina o Dina Averina ne faranno due o tre. C’era una scuola sovietica classica, da cui si sono formate le scuole russe, ucraine e bielorusse. Abbiamo sempre cercato ragazze che avesse queste caratteristiche, come l’ampiezza del movimento, e ora tutto questo passa in secondo piano.

Perché?

Per mezzo esercizio le ginnaste sono a test in giù. E’ necessaria l’abilità per ottenere la complessità.

La valutazione aperta, a mio parere, non è stata positiva per la ginnastica ritmica. Ognuno sta cercando di raccogliere il più possibile a scapito dell’espressività, dell’arte. L ‘ attuale ginnastica ritmica si sta avvicinando di più al circo. Vorrei confrontare le tendenze della ginnastica attuale con il pattinaggio Junior, dove ci sono molte difficoltà e un po’ di pattinaggio.

I tuoi studenti Eugenia Kanaeva e Irina Chashina nelle nuove regole avrebbero messo radici?

Certo ! Se un’atleta è forte non la fermeranno eventuali regole. La nostra scuola è ancora la numero uno. Si apportano le modifiche, ma la scuola russa sarà sempre preparata in anticipo. Abbiamo in ogni caso i migliori allenatori al Mondo che in ogni situazione saranno sempre un passo avanti.

Parliamo dell’incidente accaduto ad Arina

Come reagisci alla situazione che è accaduta al nastro di Arina Averina?

Non capisco perché ad Arina non è stato permesso di rifare l’esercizio. Dopo tutto, c’è stata una causa di forza maggiore non è colpa degli atleti. Gli organizzatori avrebbero dovuto darle una seconda possibilità. Sono molto dispiaciuta per la ragazza.

Il regolamento non dice nulla riguardo all’attrezzo di riserva danneggiato.

Perché questa è un’altra tendenza, abbreviare le interpretazioni. In passato abbiamo avuto il “Talmud” dove trovavi l’interpretazione di qualsiasi tipo di problema. Il regolamento precedente era composto da più di 90 pagine, ma probabilmente a qualcuno sembravano troppe.

Non era evidente che Arina non stava bene ?

Sì era evidente. Arina era fuori forma. Ovviamente per colpa del trauma che l’ha colpita. Ma in qualche modo è riuscita a rappresentarsi nella gara. La scorsa estate ha vinto il Campionato europeo di Gaudalajara . Qui a Sofia ha ottenuto di partecipare con le quattro specialità.

Irina Alexandrova Viner era triste per il fatto che nella finale Alexandra Sodatova avesse rimosso dall’esercizio alcuni elementi.

Dal punto di vista dell’atleta Alexandra Soldatova aveva ragione. Ha seguito la via dell’affidabilità e ha fatto ciò che sapeva necessario per vincere. Ma dal punto di vista del coach, avrei detto le stesse parole di Irina. Quando si lavora così tanto tempo con uno sportivo, per affinare il programma, si vuole far vedere a tutti che è stato affinato per affrontare il torneo più importante dell’anno. Per Sasha, in ogni caso, sono contenta. Voglio bellezza, spiritualità ed estetica. E lei ci da questo. Spero che ora creda più in se stessa. Tutta la nostra squadra è fantastica. Ognuno a modo suo.