SHARE

Non sono stata immediatamente inserita nella squadra nazionale russa di ginnastica ritmica.

Margherita Mamun inizia a praticare ginnastica ritmica a sette anni. Gareggiò nei suoi  primi anni per il Paese di origine,  il  Bangladesh,  prima di arrivare al centro tecnico di Novogorsk .

Il mio primo appuntamento con l’allenatore della nazionale, la leggendaria Irina Viner, nel centro di “Novogorsk” non è mai accaduto: aveva molto da fare, quindi quel giorno non è mai arrivata in palestra. Passò un anno prima di essere ancora convocata per la selezione per i giochi olimpici giovanili tra le ragazze nel 1995. Irina Viner mi disse che non aveva bisogno di me, che aveva altre ginnaste. A quel tempo avevo una doppia cittadinanza e fui invitata a giocare per il Bangladesh. Ma ho capito che il Bangladesh non aveva opportunità di sviluppo nella ginnastica e che non potevo avere futuro in questo Paese. Ho rifiutato e fatto la scelta giusta: un po’ più tardi, Irina Viner mi ha comunque permesso di rimanere nel centro di “Novogorsk” ” 

racconta Margherita Mamun durante un’intervista fatta al VK Fest-2018. Poi continua :

Sono sempre stata una persona tranquilla, modesta, mai psico. Mi ha aiutato durante l’allenamento. La mia istruttrice Amina Zaripova è una persona iperemotiva, l’esatto opposto di me, così spesso io, al contrario, l’ho tranquillizzata.

La ginnastica non sta correndo e nuotando: non hai bisogno di sorpassare nessuno, devi combattere solo con te stessa.

Fin dalla mia infanzia ero molto insicura, ma mia mamma giorno dopo giorno ha continuato a dirmi : <<è possibile vincere le Olimpiadi e dare alla mamma  una BMW bianca >> Mi misi a ridere e non ci credevo.”

” Il 2013 è stato  l’anno più brutto, nel 2014 e nel 2015 è andata meglio, ero arrivata seconda ma ero arrabbiata con me stessa. Forse questa rabbia mi ha aiutato a lavorare per le Olimpiadi estive 2016 a Rio de Janeiro . Mi sono reso conto che avevo la possibilità di fare ciò che potevo. ”

Margherita Mamun è l’attuale Campionessa Olimpionica di ginnastica ritmica all-around alle Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016. Nel 2017 decide di ritirarsi e, dopo tre anni di fidanzamento, l’ 8 di Settembre 2017 si sposa con il nuotatore olimpionico Alexander Sukhorukov .

” Un anno dopo le Olimpiadi del 2016, ho deciso di lasciare lo sport e ho iniziato a vivere come una persona normale. Da quando avevo sette anni era la prima volta che mi succedeva.

Le ginnaste in realtà non guadagnano molto, ma non hanno il tempo di pensarci. Se l’atleta della squadra nazionale si prepara per la competizione, viene completamente rifornita di: vitto e alloggio – in base ai viaggi alle competizioni – a spese dello stato. Inoltre, avevamo tre allenamenti al giorno. Non c’era tempo per spendere soldi per niente. Il nostro stipendio medio è di mille cento, ma se vinci il campionato del mondo. Per le Olimpiadi ti viene dato un determinato premio monetario e ti danno una macchina. Ma quando, dopo le Olimpiadi di Rio de Janeiro, hanno messo in vendita la macchina, sono andati in negativo. E con cosa vivono dopo? Finisci la tua carriera sportiva – questo è tutto. ”

In Russia, i campioni vengono rapidamente dimenticati, ma sono stata fortunata: il mio allenatore mi ha trovato un’agenzia impegnata ad adattare gli atleti olimpici a una vita normale.

“Quando una persona raggiunge una certa posizione di prestigio, non vuole entrare in un nuovo giro e iniziare a lavorare da zero. E dopo le Olimpiadi non ci sono molte strade. Puoi continuare ad allenarti, puoi iniziare ad allenare. Sulla prima possibilità ho messo una croce a causa di un mal di schiena, e la seconda è uno dei miei guadagni. Viaggio in tutto il mondo con corsi di perfezionamento. Ho una vita molto impegnata. Oltre ai forum, a vari programmi televisivi, ho firmato un contratto come ambasciatrice per  un noto marchio di abbigliamento sportivo. Inoltre, stiamo creando una collezione congiunta di abiti con Alena Akhmadulina, che verrà rilasciata questo autunno. Ho amato la moda fin dall’infanzia. Forse mi piacerà e continuerò con il design”