SHARE

USA Gymnastics ha presentato ieri, mercoledì 05 dicembre 2018, istanza di fallimento nella città dove ha sede, Indianapolis.

Troppi costi per le cause legali legate allo scandalo Nassar

USA Gymnastics ha dichiarato che attualmente sta affrontando 100 cause legali che rappresentano oltre 350 vittime Nassar in tutto il paese;  che le richieste delle vittime sono coperte da assicurazione, ma l’organizzazione non ha “altre attività significative” per finanziare ulteriori spese.

Chiedendo la bancarotta, l’organizzazione è in grado di mettere in attesa tutte le controversie, comprese le scoperte in corso e le deposizioni di figure chiave.

Questa non è una liquidazione. Questa è una riorganizzazione. ” Dichiara la Carson

L’organizzazione “non sta cercando di chiudere i battenti“, ha aggiunto Kathryn Carson ( che è recentemente stata eletta Presidente del Consiglio di amministrazione di ginnastica negli Stati Uniti ) in una telefonata con i giornalisti.

Quelle discussioni non si muovevano di un passo“, ha detto Carson. “Noi come commissione abbiamo ritenuto che questo fosse un imperativo critico e abbiamo deciso di intraprendere questa azione“.

Un altro colpo per le famiglie delle vittime

Hanno inflitto e continuano a infliggere dolore inimmaginabile ai sopravvissuti e alle loro famiglie” dichiara l’avvocato John Manly che rappresenta le 180 presunte vittime di Larry Nassar

Addio agli sponsor

Gli Sponsor sono scappati dopo lo scandalo e la Federazione si ritrova in grande difficoltà economica. Il suo fatturato è calato del 26% in un anno.

A causa di questi problemi finanziari il Comitato Olimpico degli Stati Uniti ha avviato il processo di revoca dello status di USA Gymnastics come organo di governo dello sport, dichiarando che per operare nel migliore dei modi serve una stabilità finanziaria.