Caterina Allovio foto di Alessandro Squassoni

Continuiamo il nostro giro di intervite con le pratagoniste del Campionato Nazionale Assoluto che si terrà a Torino il 01 e il 02 di giugno 2019 .

La prossima atleta protagonista è Caterina Allovio.

Nata a Nizza Monferrato, in provincia di Asti, il 21 gennaio del 2001, inizia a praticare ginnastica ritmica già grandicella all’età di dieci anni presso la società Valentia di Valentia. A tredici anni si trasferisce a Chieti presso la società Armonia d’Abruzzo, società in cui ancora oggi gareggia, allenata da Germana Germani.

Intervista a Caterina Allovio, società Armonia d’Abruzzo

Ciao Caterina. Come, dove e quando ti sei avvicinata a questo sport?

Quando avevo tre anni ho iniziato in una palestra del mio paese a fare qualcosa di propedeutico alla ginnastica ritmica. In quel periodo praticavo anche atletica e ho deciso di portarne avanti uno in modo più determinato. Ho scelto la ritmica… così sono andata alla società Valentia a 45 minuti da casa mia. E dopo qualche anno mi sono trasferita a Chieti.

Credi che in Italia la ginnastica ritmica abbia raggiunto la visibilità che si merita?

In questi ultimi anni la ginnastica ritmica è molto più conosciuta, è comparsa più volte anche in televisione e questo sicuramente ha aiutato a far conoscere alle persone il nostro sport.

Sono certa che gli Italiani ci seguiranno sempre di più perché è uno sport fantastico.

C’è una ginnasta in particolare alla quale ti ispiri?

Ogni ginnasta ha qualcosa di particolare ma sicuramente quella a cui mi ispiro di più per il suo portamento in pedana è Anna Rizatdinova (anche se purtroppo non è più in gioco)

Caterina Allovio – foto di Alessandro Squassoni

Spesso si vedono atlete compiere particolari rituali prima di entrare in pedana. Tu ne hai qualcuno? Hai un portafortuna?

Io non ho alcun portafortuna, ma ci sono cose che faccio in un certo ordine prima della gara; delle volte succede che non possa fare tutto nel mio procedimento, ma questo non mi cambia a livello psicologico.

Raccontaci una giornata tipo di un allenamento pre-assoluto

Come arrivo in palestra faccio riscaldamento, poi potenziamento o danza e in seguito inizio a fare le esecuzioni di due attrezzi. Dopo vado in pausa pranzo per circa 30 minuti. In seguito rincomincio il mio allenamento con le spaccate, poi danza o potenziamento (in base a quello che non ho fatto la mattina). Infine completo l’allenamento con le esecuzioni degli altri due attrezzi rimanenti.

Come passi il tuo tempo libero?

Quando ho del tempo libero adoro leggere andare al cinema o fare passeggiate.

C’è una persona particolare che vorresti ringraziare per il sostegno e l’aiuto che ti dà in questo momento?

Sicuramente in questo momento mi sono molto d’aiuto, da due punti di vista differenti, la mia famiglia e la mia società.

Caterina Allovio – WCup Pesaro – foto di Alessandro Squassoni