Chi segue la ginnastica ritmica conosce bene anche le atlete della Bulgaria.

Elena Bineva arresta la sua corsa verso le Olimpiadi i Tokyo 2020. La ginnasta, che fa parte della squadra ensemble di ginanstica ritmica, ha deciso di ritirarsi.

Ha iniziato la ginnastica ritmica all’età di tre anni nel club “Levski Iliana”. All’età di sei anni si è trasferita al club “Levski”, dove il suo allenatore era Branimira Markova.  Successivamente è entrata a far parte del nuovo ensemble con Madlen Radukanova , Simona Dyankova , Laura Traets e Teodora Aleksandrova nel 2016.

Una serie di sfortunati eventi l’hanno accompagnata in questi ultimi due anni.

Nel febbraio 2017 ha subito un infortunio alla caviglia destra a un evento a Mosca, il trauma era ai legamenti estensibili, con problemi anche alle ossa.  Nell’aprile 2017 si è rotta l’osso del polso destro in allenamento.

Oggi sul profilo social di Facebook, Ileana Raeva scrive una lettera lunghissima per ringraziare Elena Bineva.

POST COMPLETO — LINK

Qui sotto alcune frasi del discorso tradotte

Ellie è diventata una campionessa mondiale e una campionessa europea con questa squadra, ma lei con le compagne di squadra, hanno segretamente creduto di poter essere la prima squadra bulgara nella storia della ginnastica ritmica bulgara, a conquistare la medaglia d’oro olimpica. Ahimè… il destino ha scelto un’altra volta per lei e questa ragazza tenera ed incredibile l’ha accettato con la dignità di un grande campione, di una grande persona, di una vera saggia ! “

Ti voglio bene ragazza meravigliosamente saggia! (…)

(…) E sappi da me: quando il Fato o qualcuno ti toglie qualcosa di così desiderabile a cui sei impegnato, risulta sempre essere quello di prepararti per qualcosa di molto più grande che è davanti a te! Preparati e sii forte!