E’ arrivato il giorno del verdetto. oggi, 9 dicembre 2019 il WADA ha deciso di rimuovere la Russia dai principali eventi internazionali per i prossimi 4 anni.

Il pericolo quindi la partecipazione alle Olimpiadi di Tokyo 2020, salve invece le Olimpiadi giovanili invernali che partiranno il 09 gennaio 2020 a Losanna.

E la ginnastica ritmica ?

Ho già parlato in un precedente articolo dei problemi avuto durante l’ultimo anno dall’agenzia antidoping Russa RUSADA. Vai QUI per leggerlo.

Anche la ginnastica ritmica verrà quindi estromessa dalle competizioni ?

Di seguito alcune dichiarazioni dei principali esponenti WADA e RUSADA

La decisione di non ricorrere alla squalifica completa degli atleti russi è stata presa nell’interesse degli atleti puliti che hanno ancora l’opportunità di partecipare ai tornei, anche se non sotto la bandiera russa. Questa decisione è nell’interesse dei futuri atleti puliti“, ha dichiarato Jonathan Taylor a capo della stampa del comitato di conformità WADA Il divieto di partecipazione degli atleti russi alle competizioni può essere modificato. Ovvero, se la posizione della Russia è completamente corretta, ovviamente, la durata di questa sospensione potrebbe essere rivista

Ricordiamo che RUSADA avrà 21 giorni pr dimostrare la sua innocenza.

Per quanto riguarda gli atleti puliti, quegli atleti che hanno avuto violazioni antidoping in passato, come nel caso dei Giochi precedenti, non saranno ammessi alle Olimpiadi. Penso che lo schema sarà lo stesso di Pyeongchang“, ha detto Yuri Ganus.

Il nostro compito era investigare. Abbiamo fornito tutte le prove al Comitato per la Conformità. Ora la decisione spetta a loro. La nostra indagine è finita, ma continueremo a esaminare casi ancora aperti. Ma non torneremo in Russia“, ha detto il direttore dell’intelligence della WADA Gunther Junger. La WADA controllerà presto altri 100 campioni di atleti russi. In totale, abbiamo avuto 300 casi, 145 atleti sono stati cancellati dopo la decisione di oggi. Abbiamo anche inviato circa 50 casi che sono già stati completati, ma poi abbiamo dovuto interrompere a causa di un’indagine. Ci aspettavamo di ottenere i dati iniziali su di essi (dalla Federazione Russa). Quindi ora restano circa 100 casi che completeremo nei prossimi due mesi

Stiamo monitorando attentamente la situazione. Non esiste ancora un elenco dei 145 nomi in RUSADA. Penso che sarebbe logico se diventassero pubblici“, ha affermato il vicedirettore generale di RUSADA Margarita Pakhnotskaya.

In conclusione

In conclusione posso dire che non ci resta che aspettare il sopra citato elenco di nomi di atleti puliti. Visti i precedenti di Rio 2016, sono positiva sul fatto che le atlete della ginnastica ritmica siano pulite e che quindi, con o senza bandiera, parteciperanno alle competizioni compreso Tokyo 2020.