Image by Thomas Wolter from Pixabay

In attesa di eventuali chiarimenti anche da parte delle federazioni di ginnastica, ecco il comunicato stampa della sezione atletica.

Comunicato stampa

World Athletics annuncia oggi che il periodo di qualificazione per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020 è sospeso dal 6 aprile 2020 fino al 30 novembre 2020 incluso, previa consultazione con la Commissione degli atleti, i presidenti di area e il Consiglio.

Durante questo periodo, i risultati ottenuti in qualsiasi competizione non saranno presi in considerazione per gli standard di ingresso o le classifiche mondiali di Tokyo 2020, la cui pubblicazione sarà anche sospesa.

I risultati continueranno a essere registrati a fini statistici, anche per i record mondiali, fatte salve le condizioni applicabili. Ma non saranno utilizzati per stabilire lo stato di qualificazione di un atleta.

A condizione che la situazione globale ritorni alla normalità, il periodo di qualificazione riprenderà il 1 ° dicembre 2020 e proseguirà fino alla nuova scadenza di qualificazione nel 2021 stabilita dal Comitato olimpico internazionale (vedere la tabella dei periodi di qualificazione alla fine). Il periodo di qualificazione totale, iniziato nel 2019, sarà di quattro mesi in più rispetto a quanto originariamente.

Commentando la decisione, il presidente della World Athletics Sebastian Coe ha dichiarato: “Sono grato per il lavoro dettagliato e il feedback della nostra Commissione e Consiglio degli atleti che credono che la sospensione delle qualifiche olimpiche durante questo periodo dia più certezza per la pianificazione e la preparazione degli atleti ed è il modo migliore affrontare la correttezza in quella che si prevede sarà la consegna irregolare di opportunità di competizione in tutto il mondo per gli atleti, date le sfide poste dai viaggi internazionali e dalle restrizioni alle frontiere del governo “

Gli atleti che hanno già aderito allo standard di ingresso dall’inizio del periodo di qualificazione nel 2019 restano qualificati e potranno essere selezionati dalle rispettive Federazioni membri e dai Comitati Olimpici nazionali, insieme agli altri atleti che si qualificheranno entro il periodo di qualifica esteso. La fine dei periodi di qualificazione olimpica è il 31 maggio 2021 (per 50 km di marcia e maratona) e il 29 giugno 2021 per tutti gli altri eventi.

Durata complessiva del periodo di qualificazione

Le date di inizio delle qualifiche per gli standard di ingresso e le classifiche mondiali rimangono invariate con molti atleti già qualificati soddisfacendo gli standard di ingresso nel 2019. Con il periodo di qualificazione dal 1 ° dicembre 2020 al 31 maggio 2021 (o il 29 giugno 2021 a seconda dell’evento) il periodo di qualificazione ammissibile (tenendo conto del periodo di sospensione di otto mesi) è più lungo del periodo originale di altri quattro mesi. Vedi il riepilogo di seguito:

eventiPeriodo degli standard di ingressoPeriodo delle classifiche mondiali
Maratona, 50 km di marcia a piedi1 gennaio 2019 – 5 aprile 2020
1 dicembre 2020 – 31 maggio 202121 mesi
1 dicembre 2018 – 5 aprile 2020
1 dicembre 2020 – 31 maggio 202122 mesi
10.000 m, 20 km di marcia a piedi, eventi combinati1 gennaio 2019 – 5 aprile 2020
1 dicembre 2020 – 29 giugno 202122 mesi
1 gennaio 2019 – 5 aprile 2020
1 dicembre 2020 – 29 giugno 202122 mesi
Tutti gli altri eventi1 maggio 2019-5 aprile 2020
1 dicembre 2020-29 giugno 202118 mesi
30 giugno 2019-5 aprile 2020
1 dicembre 2020-29 giugno 202116 mesi

Decisione temporanea di rilascio

World Athletics ha anche annunciato oggi la sua decisione di trasferire temporaneamente il 50% del suo staff HQ oggi per garantire posti di lavoro a lungo termine. Tutto il personale addetto al ricovero continuerà a ricevere l’intero stipendio.

La decisione, approvata ieri dal Consiglio Direttivo, è stata presa a causa del temporaneo rinvio degli eventi della World Athletics Series e di molte attività di sviluppo in tutto il mondo a causa della pandemia di COVID-19 e delle rigide normative di autoisolamento a Monaco e Francia, dove ha sede la maggior parte dello staff della sede centrale di World Athletics.

World Athletics accederà al generoso programma del governo di Monaco per supportare le aziende con sede nel Principato. Questo schema consente alle organizzazioni di ridurre temporaneamente l’orario di lavoro del personale che non è in grado, per colpa loro, di svolgere pienamente i propri ruoli. World Athletics sospenderà temporaneamente parti dell’organizzazione, principalmente quelle aree che sono fortemente guidate dagli eventi e metterà le persone in congedo temporaneo fino a quando gli uffici non saranno ufficialmente in grado di riaprire. Il governo monegasco contribuirà con il 70% delle retribuzioni lorde del personale addetto alla consegna e World Athletics finanzierà il resto.

Commentando questa decisione, il presidente della World Athletics Sebastian Coe ha dichiarato: “Dobbiamo riflettere le realtà attuali e l’incertezza della situazione globale in cui ci troviamo, in particolare l’ambiente aziendale in cui, a causa delle crisi COVID-19, le normali pratiche commerciali si stanno rompendo il mondo. Per molte delle nostre Federazioni affiliate e molti dei nostri atleti questo è un problema “molto reale, molto adesso”. Le entrate che riceviamo non sono i “nostri” soldi. Siamo depositari di fondi concessi, che potrebbero essere interrotti quest’anno, da spendere per lo sviluppo e la consegna dell’atletica leggera in tutto il mondo, quindi siamo sempre diligenti e responsabili delle nostre finanze.

“Questa decisione, resa possibile dal governo di Monaco, significa che ci concentreremo solo su attività strategiche a breve termine che ci aiuteranno a gestire il nostro flusso di cassa in modo efficace e proteggere i posti di lavoro a lungo termine.

“Durante tutto questo periodo, tutto il personale del quartier generale del World Athletics rimarrà completamente retribuito con l’organizzazione che contribuisce al contributo del governo di Monaco. Ci siamo preoccupati di garantire che il supporto e i servizi che forniamo alle nostre Federazioni, aree, partner, parti interessate, atleti e la più ampia comunità di atleti membri rimangano attivi con una squadra ridotta.

“Questi sono tempi difficili per tutti e voglio ringraziare tutto il mio team per aver abbracciato positivamente il lavoro da casa circa quattro settimane fa e quelli che stanno entrando di nascosto per quello che spero sia un breve periodo di tempo per aiutarci a gestire la nostra attività e le nostre risorse in modo responsabile “.

Previous articleIndennità di 600 euro per i collaboratori sportivi | Emanato il decreto
Next articleIl Comitato Esecutivo della FIG prende le decisioni chiave sul cambio date dopo il rinvio di Tokyo del 2020