Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione:

Ginnastica Ritmica

ganna rizatdinova

In una recentissima intervista realizzata da Slava Varda per la Sport Arena e riportata nel Sito http://rg4u.clan.su, la medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016 parla del suo presente e di quello che desidera per il suo futuro.

Anna dichiara che la sua assenza dalle pedane nel periodo post olimpico è stata obbligata a causa di un infortunio al ginocchio che si è gonfiato e le causa ancora dolore. Lei sottolinea il fatto che per i quattro anni antecedenti ha goduto di ottima forma e non ha mai avuto problemi, fatto anche dovuto a una condizione mentale improntata alla preparazione ottimale per eseguire al meglio l'Olimpiade.

Momentaneamente si sta dedicando a stage di perfezionamento nella ginnastica ritmica insegnando a bambine in giro per il mondo dando modo al suo corpo di recuperare nella maniera migliore possibile. Anna dice di star vivendo un periodo molto interessante della sua vita. Gli inviti le arrivano da tutta Europa, dall'America e dal Giappone e anche da altre parti del Mondo.

Anna spesso pensa a cosa la gente pensa di lei. È un'ottima atleta ma sarà anche un'ottima allenatrice? Questo perché ancora non ha deciso cosa farà alla conclusione definitiva della sua carriera. Quando la gente le chiede se lascerà la ginnastica ritmica lei risponde “ No ! Io non me ne andrò mai ! Ho dedicato tutta la mia vita a questo campo e probabilmente ci rimarrò per sempre ! “

Anna ancora non sa esattamente quale ruolo potrà avere in futuro nella ginnastica ritmica, se come allenatrice, se come coreografa o altro, in questo momento non ci pensa ma accoglie con gioia tutti gli inviti che le vengono proposti. “ E bello vedere le bambine che al termine della lezione corrono dalle loro madri dicendo << Guarda cosa ho imparato oggi ! >> e mostrano i nuovi elementi imparati … “ dice Anna sorridendo “ E' un'esperienza divertente “ .

ganna rizatdinova

A questo punto dell'intervista la giornalista Slava Varda fa notare ad Anna che finora lei ha parlato come se avesse finito la sua carriera di atleta professionista … ma Anna subito risponde “ No ! Io amo sognare ! Ma amo sognare realisticamente, Cioè, non voglio promettere ai miei tifosi che li rivredò a Tokyo, non voglio dare questa illusione per non dare una delusione. “ continua “ Voglio solo finire nel migliore dei modi. Non sono sicura che andrò a Tokyo nella stessa forma in cui ero per Rio. Penso che tu sappia come che in tutta la mia vita mi sono preparata per Rio de Janeiro . Ho dato tutta me stessa, emozione, sforzi e nervi … ecco la verità ! “ .

Anna continua l'intervista dicendo che il suo desiderio è quello di continuare ad essere ricordata come un'atleta TOP, Cool e non come la “nonna”. Rio in questo le ha dato il massimo che potesse desiderare per la sua carriera e non poteva desiderare di meglio. 

Slava chiede ad Anna se allora ha pensato ad uno spettacolo di addio … Anna le risponde che ancora non lo sa se dirà addio o no. Dice : “Per tutti rimane un mistero ! E io francamente fino ad ora nei social network non ho voluto rispondere a questa domanda pubblicamente ! << Tornerai a gareggiare o no ? >> “ .

Con Rizatdinova anche un'altra grande atleta, medaglia d'oro alle scorse Olimpiadi, non ha ancora pubblicamente dato l'addio alla pedana: Margherta Mamun. Mentre Yana Kudryatseva, medaglia d'argento di Rio 2016, lo ha detto pubblicamente in un'intervista... Quindi la gente aspetta da Anna e Rita la notizia del loro rientro …

“ Credo che anche Rita desideri ora avere una vita normale “ dice Anna “le hanno fatto una proposta di matrimonio e si sposerà presto “

Anna racconta come vorrebbe succedesse il suo addio alla pedana, vorrebbe che la cosa sia vista in modo positivo con un sorriso sul volto, ricordando i momenti più belli della sua carriera sportiva e con una festa. Non sa ancora in che Paese questo succederà ( forse in Italia ? ) .

In questo periodo Anna ha una vita molto attiva in termini di sport ed è felice così ! Viaggiare, viaggiare, viaggiare. Può accettare molti inviti ed è riuscita anche ad andare dal Papa. Può sedersi a parlare con sua madre e suo padre.

Slava Varda chiede ad Anna cosa ne pensa di tutti gli stage che le vengono proposti, specialmente le richieste numerose che provvengono dalla Spagna.

“Tutti cercano di essere il migliore club e come fare ad esserlo? Ci sono molti modi, uno è quello di ivitare le ginanste di alto livello provenienti da altri Paesi. Questi clubs fanno pagare per partecipare e noi addestriamo i loro figli con corsi di perfezionamento che si svolgono in qualche giorno o in una settimana . Di solito le bambine vanno dalle 50 alle 100 divise per gruppi. Si pubblicizza molto e quindi tutti sanno che Anna Rizatdinova sarà in quella scuola in Spagna. Così molte sono le interessate e mole vengono anche da altre città. Questo è un grande sviluppo per lo sport perché ogni Paese porta qualcosa di diverso per la nuova generazione ! … “

Chiede Slava Varda:E tali eventi, cerchiamo di essere onesti, sono la base per la preparazione di questi paesi futuri atleti di alto livello.”

“Certo ! “ risponde Anna “ Guarda le atlete della squadra nazionale degli Stati Uniti e le individualiste come sono migliorate dopo Rio. Ora hanno allenatori Russi e Ucraini “

Anna dice che le piacerebbe andare a lavorare come allenatrice anchein un altro Paese. Lei dice che non sa se avrebbe pazienza per poter prendere una piccola stella e farla diventare una grande campionessa …

L'intervista continua con la descrizione di una sua visita a Monaco, presso il Casinò, e degli incontri inaspettati fatti

ganna rizatdinova

Anna dice di adorare la Spagna e gli spagnoli. Le piacerebbe vivere a Barcellona con il sole, il mare, le persone...

Ama andare a fare shopping con la madre ( il padre non ama seguirle ) . Lei ama l'abbigliamento sportivo.

Lei dice che non avrebbe problemi a trasferirsi a vivere in un altro Paese, che sia Spagna o America, ma che l'amore per Kiev non la lascerà perché quella è casa sua. Nonostante non vada più in palestra è rimasta in contatto con Alyona Dyachenko (squadra ginnasta di Ucraina ), con Vic Mazur e con tutte le ragazze del gruppo ucraino. Anche se era stanca della vita in palestra ha cercato di seguirle lo stesso nelle loro competizioni, anche durante il Campionato Europeo in Ungheria, ma non è riuscita a starci per l'intera giornata e ha saltato la finale … annoiata...

Ha molti amici anche in Italia che la chiamano e le dicono che ora non ha più scuse per rifiutare gli inviti.

“Chi dobbiamo aspettarci nel prossimo futuro della ginnastica ritmica ucraina?” chiede l'intervistatrice …

“ La carovana per le Olimpiadi di Tokyo ha preso il via quest'anno. Naturalmente c'è Viktoria Mazur, poi Dyachenko Alyona della quale sono un fan, anche se momentaneamente non ha raggionto ancora il massimo sono sicura che questo verrà con l'esperienza, Anche per me è stato lo stesso ... e altre giovani molto forti.