Molte sono le società che in questo periodo si sono date da fare per mantenere attive le loro atlete. Una tra queste è la società Vicenza Ginnastica che proprio nel 2020 festeggia il 20° anniversario della sua fondazione.

Dopo l’articolo sulla AG Comense, sono stata contattata dalla Vicenza Ginnastica. Con piacere ho voluto ascoltare anche la loro storia e voglio condividerla con tutti voi.

Non siamo alla fine, tutto questo è quello che è stato realizzato fino ad oggi.
E perché ? La risposta è molto semplice: passione, tanta passione per lo sport!
” Sono le parole del Presidente Santa De Rosso

Il ventesimo anno dell’associazione Vicenza Ginnastica non poteva sprofondare nel dimenticatoio.” Afferma Marta Magrin, Responsabile tecnica della società e figlia del Presidente fondatore Maurizio Magrin.

La società sportiva dilettantistica Vicenza Ginnastica è nata nel 2000 grazie all’entusiasmo e all’intuizione del suo presidente Maurizio Magrin.

Magrin ha creduto fortemente nella possibilità di costruire una realtà importante nel mondo della ginnastica ritmica che porti il nome della propria città.

Affiancato dalla figlia Marta, dai dirigenti e dalle tecniche, ha costruito in 20 anni una grande realtà dell’ associazionismo sportivo vicentino che è cresciuto nel corso di questo periodo, raggiungendo molti dei Comuni limitrofi.

Una sana pratica didattica e sportiva sono da sempre i nostri obiettivi principali, sia nei corsi di base, sia nell’attività agonistica che prosegue da anni con buoni risultati. È questa la nostra capacità, che ci ha portato tante soddisfazioni e ci ha fatto superare ogni ostacolo per arrivare alla meta.” Ci racconta l’attuale Presidente Santa De Rosso. ” In questo periodo di sospensione forzata delle attività sportive per l’emergenza sanitaria, tutti noi della Vicenza Ginnastica, fin da subito, abbiamo ritenuto importante continuare a far vivere alle nostre associate la passione per la ginnastica e farle sentire accompagnate e seguite. Ci siamo adoperati per permettere a tutte le ginnaste di proseguire le attività, sia per non perdere la passione e l’impegno e non vanificare altresì il lavoro svolto nei mesi precedenti, sia perché alla ripresa ci dovremo trovare pronti per ripartire pieni di energia e rinnovati.
Le attività svolte finora sono state molteplici, dai video messaggi di positività e speranza, al proseguimento delle lezioni online, fino ai video allenamenti a “formula casalinga” a mezzo di tutorial. Senza tralasciare poi il concorso rivolto alle bambine e ragazze della associazione, il coinvolgimento delle allieve per la realizzazione dei video allenamenti casalinghi ed il tutorial sulla preparazione “fai da te” di un attrezzo ginnico: il nastro.

Il Presidente ci racconta poi di quello che la società sta progettando grazie alla Responsabile Tecnica Marta Magrin coadiuvata dalle istruttici

Anche la Vicenza Ginnastica non rinuncerà al Saggio di fine anno.

Per la Vicenza Ginnastica il momento più sentito dell’anno sportivo è sempre stato, e sempre sarà, il saggio di fine anno. Da tempo eravamo in preparazione ed in fermento pensando che sabato 23 maggio, al palazzetto dello Sport, avremmo dovuto festeggiare il nostro ventesimo compleanno. Un meraviglioso percorso che aveva avuto l’inizio come ogni anno, ma che purtroppo da febbraio non è più proseguito. Noi, da inguaribili ottimisti, non ci siamo persi d’animo e per questo abbiamo
pensato che, se la ritmica è impossibilitata ad andare al palazzetto, sarà il palazzetto ad “entrare nelle nostre case”!… impensabile ? Certo che no! eh già, perché tutte insieme, grazie ad un prezioso supporto tecnologico, realizzeremo un saggio virtuale che sarà pubblicato proprio sabato 23 maggio ” Distanti ma unite, Vicenza è ritmica ” nel sito associativo www.vicenzaginnastica.it dove le protagoniste saranno le nostre ginnaste!

Questo 20° saggio sarà ricordato per il particolare momento che stiamo attraversando, un periodo che entrerà nei libri di storia.

Previous articleLa Comense organizza il primo Saggio di Fine Anno online !
Next articleRientro in grande per Talisa Torretti convocata all’accademia di Desio