a Udine in gara atlete da Cile, Slovenia, Svizzera, Croazia

Dopo un anno di stop forzato a causa della pandemia, l’Associazione Sportiva Udinese ripropone – sabato 29 e domenica 30 gennaio – il suo storico torneo di ginnastica ritmica. Un appuntamento da sempre molto atteso da atlete e tecniche e che nell’edizione 2022 cambia un po’ nella formula (inevitabile il contrario!) e nome, diventando International GR Tournament “Swirl and Twirl”, grazie al supporto dell’omonimo brand.

«Abbiamo deciso di riproporre il Torneo per lanciare un messaggio di speranza – ha spiegato il direttore generale dell’Asu, Nicola Di Benedetto -. Avremo meno atlete e ci limiteremo alle gare in pedana, lasciando al prossimo anno i workshop, tanto apprezzati e attesi dalle ginnaste. Ovviamente non lasceremo nulla al caso e i controlli saranno molto scrupolosi per garantire la piena sicurezza di tutti. Quest’anno, mi piace sottolinearlo – ha ricordato chiudendo -, avremo anche un nuovo sponsor per il torneo, “Swirl and Twirl”. A nome di tutta l’ASU ringrazio la ceo, Anja Lukež Schroll, per la fiducia accordata, nell’auspicio che questo sia solo un primo passo per una lunga collaborazione»

IL TORNEO

Passando ai dettagli della due giorni di gare, il PalaFiditalia di via Lodi ospiterà ginnaste, dagli 8 ai 23 anni, provenienti da Cile, Slovenia, Svizzera, Croazia, oltre che da 10 club italiani.

Come anticipato dal dg, non si tratta dei numeri a cui Asu è abituata, ma «in un contesto storico come quello che stiamo vivendo è un traguardo importantissimo e per nulla scontato, risultato dell’importante lavoro fatto dalla sezione ritmica e dalla società, negli anni».

Fra i nomi da segnalare ci sono la campionessa italiana junior, Viola Sella, e la sua vice, la bianconera Tara Dragaš, ma anche le omologhe slovene, Ela Polak e Nika Zajc.

ASU IN GARA

Per l’ASU saranno presenti oltre la già citata Tara Dragaš (junior A), anche Elena Perissinotto (senior A), Arianna Cos (senior B), Giulia Cancian (senior B), Margherita Muni (senior C), Elena Pilosio (senior C), e le allieve Adele Asquini e Chiara Bernardis, Stella Iacumin e Cristina Fabro.

Previous articleWorld Cup Palaio Faliro 18/20 Marzo 2022. L’Italia iscritta, ma grandi assenze
Next articleTara Dragas si conferma stella emergente ASU