Immagine di Aksa2011 da Pixabay

Il Covid19 ha portato la ginnastica ritmica al punto 3.0.

Obbligate a stare a casa, per la chiusura degli impianti e la sospensione degli allenamenti, le varie società ed allenatrici sono corse ai ripari programmando allenamenti online.

Dopo le prime difficoltà sull’organizzazione e sullo svolgimento delle varie sessioni di allenamento, ora la maggior parte delle società tengono quotidianamente i contatti con le atlete e seguono i loro progressi cercando di tenere alto il morale “della truppa”.

Alcune insegnanti hanno proposto anche lezioni private a pagamento. Sarà questa una delle opzioni da valutare per il prossimo futuro ?

Sappiamo bene che in questo momento tutto è in sospeso; nulla si sa e nulla si conosce. Unica cosa certa è che se non si vuole chiudere, bisogna trovare una soluzione.

Si parla di poter praticare, per le ginnaste agoniste, gli allenamenti on line. Ma i corsi ? Cosa si può fare per inventarsi qualcosa al riguardo ?

Altro problema saranno le competizioni. Sempre in questo periodo ci sono state parecchie iniziative al riguardo. Eventi on-line con piccole challenge votate da tecniche.

Dobbiamo imparare a vedere in modo diverso la ritmica ?

Se non sarà possibile tornare al più presto in una palestra, se non sarà possibile riprendere gli allenamenti “normali” e preparare gli esercizi, bisognerà adeguarsi e far entrare nella nostra vita quotidiana la Ritmica 3.0 a pieno regime.

Programmare, inventare, pensare … prepararsi prima per evitare problemi poi.

Non scoraggiatevi. Una soluzione la troveremo ! Si spera.

Previous articleGiappone: rimandata la AEON CUP, da settembre a data da destinarsi
Next articleMotivare al tempo del Covid-19 | La psico/allenatrice