Guardando insieme verso un futuro più roseo

Dopo mesi di stop e altri vissuti tra alti e bassi, la ginnastica si prepara a ripartire a settembre.

Per molte associazioni che hanno dovuto sospendere, o perfino chiudere, la propria attività, altre si apprestano in questi mesi a muovere i primi passi. È il caso di OltreRitmica Milano, neonata Asd, creata dall’iniziativa di un gruppo di genitori.

Molti di voi ci conoscono e sanno quanto noi di RGNews ginnastica-ritmica.eu siamo attenti a promuovere la ginnastica ritmica a tutti i livelli. Non parliamo solo di Olimpiadi o Campionati Nazionali, ma anche delle piccole realtà.

Abbiamo avuto modo di scambiare due chiacchiere con Valeria Pincini, una delle mamme che ha dato vita all’iniziativa insieme a Simona Brusa, ex ginnasta e tecnica FGI e FISDIR (Federazione Italiana Sport Paralimpici degli Intellettivo Relazionali) con anni di esperienza alle spalle.

Che cosa vi ha spinto ad intraprendere questa avventura?

Valeria: Siamo un gruppo di allenatrici e genitori di bambine e ragazze che da qualche tempo praticano ginnastica ritmica. Giorno dopo giorno abbiamo visto quello che era iniziato come un gioco trasformarsi in passione. La pandemia ha stravolto gli equilibri di tutto, ma la ritmica è rimasto un punto fermo. Durante il primo lockdown gli allenamenti online erano uno dei momenti più attesi della giornata! Nonostante le non poche difficoltà logistiche, non è mai mancata la voglia di lavorare e migliorarsi.

Dagli allenamenti online qual’è stato il passo per tornare in palestra?

Valeria: la volontà è stata quella di creare più che altro un luogo dove sentirsi sicuri, “come a casa” appunto, avendo la libertà di esprimersi a 360 gradi, cosa che in questi mesi era mancata.

Com’è nata l’idea di fondare una nuova società?

Valeria: Siamo genitori che negli anni si sono conosciuti in palestra e in pedana, accomunati dall’idea di una ginnastica inclusiva e aperta a tutti.

Seguendo e supportando le nostre figlie, abbiamo avuto la fortuna di incontrare allenatrici con le quali condividiamo gli stessi ideali e con un approccio alle bambine attento e orientato a valorizzare le caratteristiche di ciascuna.

E’ stato spontaneo condividere la proposta di un nuovo inizio con le allenatrici che già seguivano le nostre figlie con competenza e che continueranno a seguire tutti gli aspetti tecnici: le ginnaste in pedana con loro, e noi sugli spalti a sostenerle sempre!

Quindi nasce così la A.s.d. OltreRitmica Milano, un nome evocativo. Ha per voi un significato particolare?

Simona: Sì, la volontà è proprio quella di andare OLTRE i preconcetti e gli schemi che spesso sono legati al nostro sport!

Crediamo in un nuovo approccio alla Ginnastica Ritmica, che con noi diventa una disciplina in grado di rivolgersi a TUTT*.

Il nostro Staff è pronto ad accogliere chiunque nutra una passione per la ritmica e voglia mettersi in gioco con i propri limiti, oltre i pregiudizi!

Quali obiettivi vi ponete per i prossimi anni?

Simona: Crescere! Non inteso solo come numero di iscritti ma come “famiglia”.

Quest’anno partiremo con i corsi del settore formativo e con l’agonistica Silver per iniziare. Ci sarà poi il corso GR Master rivolto a principianti e ad ex ginnasti a partire dai 16 anni. L’intenzione è quella di avviare corsi aperti anche a bambini e ragazzi!

Un altro settore che guardiamo con in interesse è quello della Ginnastica Estetica, uno sport emergente e ad alto tasso di spettacolarità.

Tutto questo senza mai perdere di vista la formazione dello Staff, un fattore importantissimo perché bisogna sempre tenere conto della naturale evoluzione dello sport e anche umana, siamo fermamente convinti che lo sport è un mezzo per aggregare atleti di qualsiasi età e genere, con abilità e disabilità differenti.

Quello che ci auguriamo è di poter trasmettere una sana passione per la ginnastica a quante più persone possibile.

Vi aspettiamo in palestra a partire da settembre!

Previous articleDove e come potremo vedere le Olimpiadi di Tokyo 2020 bis ?
Next articleLe Farfalle della ritmica affilano le ali nell’amichevole contro l’Azerbaijan e Egitto