Contemporaneamente al 39 Campionato del Mondo di ginnastica ritmica che si sta svolgendo a Sofia – Bulgaria – in Russia si sta svolgendo la Spartakiad Cup.

Le migliori ginnaste russe e i gruppi ensemble dei vari distretti si stanno scontrando sulla pedana di Mosca con punteggi stratosferici. Superati i 40.0 punti per Lala Kramanenko che ottiene l’oro nella classifica AA – qui sotto alcuni punteggi delle prime classificate.

Ma un “Drama” ha colpito la collettività del Popolo della ritmica: la scena di Dina Averina piangente ha commosso un po’ tutti lasciandoci con l’amaro in bocca. Fin dove devono arrivare queste ragazze per poter dire basta?

Nell’intervista rilasciata a Sport24 Dina Averina dice che lei non avrebbe dovuto gareggiare perché aveva molti dolori alla schiena, ma Irina Viner l’ha convinta e così è scesa in pedana.

Anche la sorella gemella Arina Averina non è conciata meglio di Dina. Anche per lei ci sono molti problemi a livello fisico. Arina ha avuto problemi prima della competizione con l’anca, anche lei non si voleva esibire ma alla fine lo ha fatto.

Alla domanda su cosa hanno intenzione di fare nel prossimo futuro le sorelle hanno risposto che per ora penseranno a curarsi, poi si vedrà.

Dina ha anche commentato i Mondiali che si stanno svolgendo in questi giorni a Sofia : “Non guardo le competizioni internazionali da molto tempo. Ho letto oggi la notizia che Atamanov (Daria, israeliana. – Sport24) si è ritirata, si è rotta una gamba e Borya (bulgara Boryana Kalein. – Sport24) si è ritirata. È molto deludente, perché capisco com’è per loro, come si sono preparati. Voglio augurare loro una pronta guarigione e salute morale” leggi intervista completa

Previous articleOri per Raffaeli e bronzo Baldassarri, perché in Italia non esiste solo calcio e pallavolo!!
Next articleLa ginnastica fuori dagli Europei del 2023